PLUSVALENZE E MINUSVALENZE

La voluntary disclosure ha cambiato le carte in tavola e l’ottimizzazione fiscale, che significa anche sapere come gestire correttamente plusvalenze e minusvalenze, può influenzare in modo sensibile la performance di un investimento.


In passato, chi voleva investire in Svizzera, spesso lo faceva senza preoccuparsi degli aspetti fiscali, o per negligenza o per libera scelta.

Oggi le cose sono radicalmente cambiate, e la Svizzera è molto più integrata con il resto dell’Europa. Gli investitori che vogliono operare in territorio elvetico devono considerare attentamente l’impatto fiscale derivante dall’accordo chiamato voluntary disclosure: un’intesa tra Italia e Svizzera in merito alla trasparenza fiscale, con l’intento di favorire il rientro dei capitali nel Bel Paese.

Cos’è la voluntary disclosure?

La voluntary disclosure è una nuova procedura mediante la quale i contribuenti italiani possono, in maniera del tutto volontaria, mettersi in regola con il fisco italiano.

Ora che le regole del gioco sono cambiate, il peso della fiscalità in termini di costo/opportunità e trasparenza rischia di essere determinante, specialmente nel nuovo contesto di bassi rendimenti obbligazionari, che obbligano i risparmiatori più accorti a usare “il bilancino” nella gestione degli investimenti. Da qui nasce l’esigenza di ottimizzare a livello fiscale i propri investimenti per evitare che i tanto sudati risparmi si incaglino inutilmente in ostacoli fiscali. Dunque è di primaria importanza sapere come gestire correttamente plusvalenze e minusvalenze.

Ci piace ricordare che, parlando di tassazione del risparmio, è importante la primaria distinzione tra “redditi diversi” e “redditi da capitale”.

  • I redditi da capitale sono tutti quelli originati da una rendita certa legata allo strumento finanziario, ad esempio le cedole delle obbligazioni o i dividendi azionari.
  • I redditi diversi sono invece quei redditi cosiddetti residuali, che possono essere generati sia dalla compravendita di strumenti finanziari (azioni, obbligazioni e certificati) e immobili, sia dal risultato di operazioni su strumenti più complessi, come ad esempio gli indennizzi sui mandati assicurativi. A seconda delle situazioni, i redditi diversi possono generare delle minusvalenze o delle plusvalenze, che tra loro sono compensabili.

Purtroppo non tutti gli strumenti finanziari hanno lo stesso grado di efficienza fiscale.

I redditi da capitale sono tassati alla fonte e non generano alcun capital gain, che dunque non può essere compensato in alcun modo con minusvalenze pregresse. Tuttavia, a partire dal 2014, il legislatore ha deciso che minusvalenze e plusvalenze della grande famiglia degli OICR, ossia fondi comuni da un lato ed ETF e azioni dall’altro, hanno un trattamento diverso e perciò non possono essere compensate tra loro.

In pratica, se avete un portafoglio composto da soli OICR e se vi trovate nella sfortunata situazione di aver venduto in perdita un ETF o un’azione, generando una minusvalenza, che per il legislatore è reddito diverso, tale minusvalenza non potrà essere compensata con alcuna plusvalenza.

In questo caso il vostro portafoglio rischia di non essere fiscalmente efficiente, dal momento che alcune minusvalenze non sono in alcun modo recuperabili o compensabili.

Caso completamente diverso qualora si abbia un portafoglio composto esclusivamente da azioni e obbligazioni: in questo caso il capital gain crea un reddito diverso, che può compensarsi solo ed esclusivamente con una minusvalenza di pari categoria.

Tale distinzione è utile perché, a seconda del tipo di reddito, la tassazione agisce in maniera differente. Questo aspetto si contrappone all’effetto di appartenenza del regime fiscale (dichiarativo o amministrato) in quanto modifica le regole di compensazione delle minusvalenze.

Come gestire correttamente plusvalenze e minusvalenze?

Noi di Goodwill Asset Management conosciamo molto bene il quadro delle nuove normative a livello fiscale tra Italia e Svizzera. Per questo motivo, nell’offrire a chi già abbia un portafoglio in Svizzera o voglia aprire un nuovo conto in Svizzera, la nostra soluzione d’investimento personalizzata.

Noi di Gwam diamo un peso rilevante agli aspetti legati all’ottimizzazione fiscale degli investimenti.

In pratica, investiamo prettamente in titoli, cioè azioni e obbligazioni, e non OICR come fondi ed ETF. In questo modo riusciamo a ad essere pienamente efficaci dal punto di vista fiscale, sia alla luce della gestione post voluntary disclosure, sia della compensazione tra eventuali minusvalenze e plusvalenze per i nuovi conti aperti in Svizzera, determinando un chiaro risparmio fiscale per l’investitore.

Se avete delle domande su come gestire correttamente plusvalenze e minusvalenze, arrivando all’ottimizzazione e pianificazione fiscale delle vostre finanze, venite a trovarci il 20 settembre a Chiasso. Previa registrazione via email, la porta è sempre aperta!

 

ENTRA IN CONTATTO CON IL NOSTRO TEAM






*Leggere attentamente le note legali

Come aprire un conto corrente in svizzera e trasferire denaro e titoli sulla banca piu conveniente e sicura

Conto sulla migliore banca svizzera